VirtuArte Octava

coralli, cammei, pittura ed arte presepiale della città e...non solo

  

clicca per entrare nel museo virtuale 

 

La realizzazione di un Museo Virtuale a Palazzo Baronale e Villa Macrina che metta in luce la pregevolezza dell'arte presepiale e la raffinatezza di una tradizione culturale antica - radicata nel sostrato identitario stesso della città di Torre del Greco - reca in sè una duplice valenza connotativa.

Da una parte, infatti, tradisce una volontà sociale di consolidamento del patrimonio antropologico e popolare, legato al territorio, alla sua storia e alle sue prerogative umane, con le sue eccellenze e le sue qualità di arti e mestieri.

Dall'altra, evidenzia e rimarca una sostanziale esigenza ed apertura del territorio alla realizzazione di attività culturali che possano elevare e costruire una nuova dignità collettiva della quale possano avvantaggiarsi soprattutto le giovani generazioni, depositarie di un clichè culturale ampio, variegato ed articolato, garantito dalla longevità di un racconto storico singolare e privilegiato che si estende in più settori.

"VirtuArte Octava" riesce, così, a fondere in un armonico programma strutturato le esperienze professionali di numerosi artisti sia torresi, sia dell' intera area Vesuviano-costiera, e, al contempo riesce a coniugare - in una equilibrata struttura virtuale - le esperienze soggettive di ciascun autore offrendole, con un chiaro messaggio comunicativo, all'immediata fruizione di tutti i cittadini.

Con questo spirito e in tale ottica l' Amministrazione comunale ha inteso immaginare la realizzazione di un palinsesto virtuale di eventi, in considerazione oltretutto della particolare crisi epideniologica legata al COVID-19, opportunamente calendarizzati e tali da poter raggiungere con efficacia le diverse richieste della popolazione.
Il mio personale ringraziamento all'assessore alla Cultura, Enrico Pensati, e a quanti hanno lavorato alla realizzazione di questo singolare programma natalizio, consentendo alla città di brillare ancora della luce della cultura.

 

Il Sindaco
dott. Giovanni Palomba